Roma, L’Occhiale, 1998
Estratto da “L’Occhiale – numeri extravaganti” – N. XII (67), Marzo 1998

ESAURITO

Contenuti in questa pagina


Questo estratto (da “L’Occhiale – numeri extravaganti”) comprende due distinti componimenti -non ancora raccolti in volume- riguardanti la stessa protagonista: quella figura femminile già evocata in Elegia per ragazza padana (nel volume Sei tu il bolero, p. 103), poi posta al centro dell’intera prima sezione -intitolata Da un’altra stanza- del volume dallo stesso titolo. Di questa sezione Mottetti per Maria (1997) può considerarsi una prosecuzione, mentre Et Maria in Arcadia risale al 1977.
Qui il riferimento è ad un importante evento culturale tenutosi a Parma (10-12 maggio 1968): il convegno sul Settecento parmense nel secondo centenario della morte di Carlo Innocenzo Frugoni. In quel contesto di aulica solennità il critico impegnato si prende un momento di giocosa distrazione e lascia il campo allo scherzo elegante del poeta.


Indice del volume 

p. 5 — Mottetti per Maria – I / II
p. 13 – Et Maria in Arcadia – I / II / III
p. 15 – Nota


Note critiche

Carissimo, i Mottetti per Maria e Et Maria in Arcadia sono stupendi (e sai che io non faccio complimenti e sono sincero). Come hai saputo rievocare quella persona ormai lontana, con dolore contenuto, con espressioni talvolta scherzose e proprio perciò tanto più strazianti! Come hai saputo inserire allusioni, addirittura citazioni di classici (anche di Cielo d’Alcamo!) fondendole perfettamente nel tuo discorso!
Sei davvero un poeta (caso raro: oggi molti scrivono versi, e farebbero meglio a non scriverne).

SEBASTIANO TIMPANARO, 26.5.1999
da una lettera ad Antonio Piromalli
(Fondo Antonio Piromalli)