In ricordo di Antonio Piromalli

Ciascun articolo può essere letto integralmente cliccando sul link del titolo o sulla immagine.

Antonio Piromalli merita di essere ricordato non soltanto per la sua cultura e la sua valentia di studioso e polemista (vedi da ultimo, ad esempio, i suoi magistrali articoli nella rubrica “lettere vanitose” di Letteratura e Societa’..), bens√¨ per il suo animo di artista e di poeta, che lo colloca ben al di l√† dell’accademismo professorale.

Paolo Gentili : In ricordo del Prof. Antonio Piromalli 
http://www.paolo-gentili.net

Un irregolare anzi singolare fiutatore della politica, che muove i suoi attacchi con una dinamica quasi incendiaria..

Antonio Piromalli critico e poeta coraggioso va annoverato tra la schiera dei Carlo Muscetta, Mario Socrate, Saverio Vollaro, Guglielmo Petroni, Mario Alicata.

Antonio Coppola : La critica letteraria onora e ricorda Antonio Piromalli 
Laltrareggio n. 124 / gennaio 2004

Dies nefasti¬†quando il tempo, il¬†viaggio, ci toglie una penna cara, solida, civile. E¬†Il viaggio¬†di Seminara diventa l’ultimo viaggio di Piromalli nell’amata Calabria.

..Le ultime profonde analisi di un critico che ha segnato qualche decennio con la sua scrittura forte, vigile, direi tonda, mai inconcludente.

Roberto Mosena: TOAST a Fortunato Seminara e Antonio Piromalli
Sincronie, VII – 14 (2003)

Signore della parola, in cui si riconobbe il Novecento, è scomparso con la generazione che del secolo scorso ripercorse le luci e le ombre, ma vide pure spuntare nel cielo del terzo millennio le lucide stelle della nuova Europa..
Visse una vita composita, il vigore della Magna Grecia nell’uso aristotelico della ragione ed il vento impetuoso della Mitteleuropa..

Marisa Fortunati (Bruxelles) : Antonio Piromalli tra Magna Grecia e Mitteleuropa 
Il Foglio di Pagine Lepine, n. 2 (2004)

..Da vero uomo della scuola, da lui vissuta con partecipazione fino ai pi√Ļ alti gradi, sapeva trovare con tutta naturalezza le parole per una immediata comunicazione con i giovani, che l‚Äôascoltavano riverenti, accettavano il suo invito a coltivare il senso estetico nell‚Äôarte..

Maria Racioppi:¬†L’ultimo grato ricordo
Letteratura & Societ√†, n¬ļ 17-18, 2004


<—¬†Indietro Avanti —>